Vai al contenuto
Vai avanti per accedere ai risultati suggeriti
    Proteggere le comunità dalla pandemia di COVID-19 con CORE

    Proteggere le comunità dalla pandemia di COVID-19 con CORE

    Airbnb.org collabora con partner come CORE per supportare un accesso equo ai vaccini.
    Da Airbnb, in data 23 mar 2021
    Lettura di 3 min.
    Ultimo aggiornamento: 7 apr 2021

    In breve

    • È passato un anno dal lancio del programma Alloggi per l'emergenza.

    • Attualmente, Airbnb.org collabora con organizzazioni come CORE per offrire alloggio agli operatori che lavorano in prima linea nella lotta alla pandemia.

    • CORE fornisce un accesso sicuro ed equo ai test gratuiti per la diagnosi di COVID-19, ai servizi essenziali e ai vaccini.

    È passato un anno dal lancio del programma Alloggi per l'emergenza. Attualmente, Airbnb.org prosegue nella propria missione e collabora con CORE, offrendo alloggio ai suoi operatori impegnati nell'emergenza. Sin dall'inizio della pandemia, CORE fornisce un accesso sicuro ed equo ai test gratuiti per la diagnosi di COVID-19 e alle risorse essenziali, concentrandosi in particolar modo sulle persone emarginate, con basso reddito o provenienti da comunità di colore. E ora utilizza lo stesso approccio nella propria missione volta ad agevolare la distribuzione dei vaccini. Ti presentiamo due dipendenti CORE, che lavorano sul campo per proteggere le comunità più vulnerabili e colpite dal Coronavirus.

    Zack e Crista

    "Osservando una mappa di Los Angeles, è facile notare come la maggior parte delle risorse sanitarie predisposte per effettuare test e vaccini siano distribuite nelle aree più ricche e benestanti. E questo vale un po' per tutti gli Stati Uniti," afferma Zack Oser, County Area Manager presso la sede CORE di Los Angeles. "Quando dobbiamo decidere dove operare e a chi destinare le nostre risorse, cerchiamo di raggiungere quelle aree che da tempo vengono lasciate indietro nell'ambito delle disparità di accesso alla sanità pubblica che interessano il paese."

    Attualmente, CORE offre test gratuiti per il Coronavirus in varie città sparse sul suolo statunitense e distribuisce vaccini ad Atlanta e Los Angeles. Questa organizzazione umanitaria opera al Dodger Stadium, uno dei siti di vaccinazione di massa più grandi della nazione, dove vengono somministrate ben 12.000 dosi al giorno. CORE collabora inoltre con enti e governi locali, arruolando persone che vivono nelle relative comunità. "Assumiamo personale proveniente da queste aree, destinandole ai centri dedicati ai test e alle vaccinazioni. Queste persone parlano le lingue locali e sono generalmente figure in cui la gente ripone la propria fiducia, che hanno un proprio giro e che comprendono i problemi che affliggono la comunità," spiega Zack.

    Crista Campos, Community Mobilizer e Outreach Manager per CORE, inizialmente si unì alla società in qualità di volontaria. Dopo aver notato che le persone in fila nel sito predisposto ai test per la diagnosi di COVID-19 del suo quartiere a Los Angeles erano pochissime, decise di contattare CORE. I test sono gratuiti per il pubblico e non è necessario possedere documentazione o assicurazioni sanitarie. Crista intuì quindi che dietro alla scarsa affluenza ai test c'era un problema di equità.

    "Quando ho iniziato, c'era un focolaio [di COVID-19] in un edificio popolare a Chinatown. Gli abitanti dello stabile non sapevano neanche che al Dodger Stadium fosse possibile fare il test," ricorda Crista. "Il Dodger Stadium si trova in cima a una collina. Queste persone avrebbero dovuto prendere un appuntamento e, in assenza di un mezzo proprio, affidarsi a Lyft. Sempre che avessero a disposizione un telefono."

    Con la collaborazione delle organizzazioni locali, CORE costruì quindi una postazione mobile a Chinatown che consentisse alla comunità locale di accedere facilmente ai test nel proprio quartiere. Iniziò inoltre a distribuire volantini informativi, per aiutare la gente del posto che non aveva facile accesso a internet. Gli organizzatori condivisero tutti i dettagli rilevanti per quella comunità. "Dovemmo specificare che i loro dati non sarebbero stati condivisi con l'ICE, l'ufficio immigrazione e per il controllo doganale," spiega Crista. "Questo perché si rifiutavano di fornire informazioni relative alla propria anamnesi nel timore che qualcuno potesse andare a cercarli."

    Crista e Zack passano le giornate a fornire test per COVID-19 e a distribuire vaccini e beni essenziali come alimenti e mascherine in varie comunità, con la collaborazione delle organizzazioni locali. "Come membri del team CORE dedicato alla mobilizzazione, siamo uniti dalle nostre incredibili storie individuali e dalla dedizione con cui ci impegniamo a proteggere le nostre comunità," spiega Crista.

    Poiché CORE è uno dei partner di Airbnb.org, i suoi dipendenti che si spostano per lavorare alla realizzazione delle strutture e assumere personale possono cercare una sistemazione tramite il programma Alloggi per l'emergenza. "I nostri turni di lavoro sono lunghissimi," dice Zack. "E avere un posto dove rifugiarmi, lasciare le mie cose e rilassarmi a fine giornata mi consente di affrontarli con il giusto livello di concentrazione."

    Unisciti a una community sempre più vasta, pronta a offrire sostegno in tempi di crisi.

    In breve

    • È passato un anno dal lancio del programma Alloggi per l'emergenza.

    • Attualmente, Airbnb.org collabora con organizzazioni come CORE per offrire alloggio agli operatori che lavorano in prima linea nella lotta alla pandemia.

    • CORE fornisce un accesso sicuro ed equo ai test gratuiti per la diagnosi di COVID-19, ai servizi essenziali e ai vaccini.

    Airbnb
    23 mar 2021
    È stato utile?